Approvato l’Odg contro le false cooperative

E’ con grande soddisfazione che comunichiamo che il Consiglio Comunale nella seduta del 23 luglio ha approvato, con il voto favorevole della maggioranza, l’ordine del giorno di contrasto alle false cooperative.
Il movimento 5 stelle  pur essendo presente in aula non ha partecipato  al voto, mentre il consigliere Mirri del nuovo centro destra si è  astenuto.

Il fenomeno delle false cooperative si sta allargando a macchia d’olio e anche nel nostro territorio recenti avvenimenti di cronaca hanno confermato questo triste fenomeno.
Gli strumenti giuridici e ispettivi che la legge possiede per smascherare il fenomeno delle false cooperative sono inadeguati  e insufficienti.
Si tratta di una realtà che inquina il mercato, offrendosi  a prezzi più bassi di quelle che agiscono correttamente rispettando i diritti di chi lavora. All’interno delle  false cooperative si annida la criminalità organizzata e lo sfruttamento del  lavoro, situazioni assolutamente contrarie alle finalità mutualistiche ontologicamente insite nell’organizzazione cooperativa.
L’Alleanza delle cooperative si è fatta promotrice, attraverso una legge di iniziativa popolare, al Parlamento di  misure più severe e più incisive per contrastare il fenomeno delle false cooperative. Tra le quali misure  è prevista anche  la cancellazione dall’albo delle cooperative   non in regola dopo i controlli, un programma di revisione per le imprese mai ispezionate, tempestive comunicazioni con l’Agenzia delle entrate per evitare il fenomeno di coop che nascono e cessano l’attività in pochi mesi accumulando debiti verso l’Erario, quindi una cabina di regia al Ministero dello Sviluppo economico per coordinare meglio i soggetti chiamati a vigilare, fino allo stop al massimo ribasso nelle gare d’appalto, il rafforzamento della partecipazione dei soci e l’applicazione del Protocollo di legalità sottoscritto con il Ministero dell’Interno contro le infiltrazioni mafiose.
Legalità e lavoro sono le parole che questa proposta di legge cerca di declinare insieme e questo assume un valore ancora più importante a Imola la cui economia si è basata e si può continuare a basare sul lavoro onesto e proficuo prestato all’interno di varie cooperative  di cui la nostra città deve andare fiera.
In questo momento storico il Partito Democratico, Fornace viva, Imola migliore – Sel  hanno preso posizione chiara e precisa a favore del lavoro legale, della tutela della dignità del lavoratore e della valorizzazione delle cooperative che realmente agiscono secondo il fine mutualistico.
DANIELA SPADONI                                     
FRANCESCA DEGLI ESPOSTI
Gruppo PD in Consiglio Comunale