Il cordoglio del Segretario Marco Raccagna e dell’On. Daniele Montroni per la scomparsa di Vittoriano Zaccherini

La notizia della scomparsa di Vittoriano Zaccherini è uno di quegli accadimenti che lasciano senza fiato. Per l’energia, la passione, la disponibilità ed il sorriso che Vittoriano ha sempre messo nella vita. Ecco, pareva non sarebbe mai giunto il tempo di salutarlo per sempre.

La mia vicinanza e il mio cordoglio personale e a nome di tutto il Partito Democratico va ai suoi cari.

Con lui perdiamo un figlio della nostra Italia, libera e democratica. Un figlio di Imola, che quella libertà e democrazia la ha conquistata palmo a palmo, con sofferenza e tenacia. Con la Resistenza, con la deportazione a Mauthausen e coi tanti anni trascorsi a parlare ai ragazzi delle scuole affinchè l’orrore dello sterminio nazifascista non potesse mai più accadere. Con lui perdiamo un amico.
Fa impressione che Vittoriano scompaia proprio a poche ore dai tragici attentati di Parigi. Come se il destino almeno avesse voluto risparmiargli il dolore di vedere la libertà, la pace e la democrazia calpestati un’ennesima volta.
A noi non resta che ricordarlo con amore e immensa gratitudine. Non resta che rammentare la sua forza e la leggerezza con cui raccontava la sua vita e le sue esperienze, anche quelle più tragiche. Ma anche quelle più felici, come la gioia che Vittoriano provava nel portare la propria testimonianza agli studenti. Grazie Vittoriano.
Marco Raccagna, Segretario PD Unione Territoriale Imolese
Vittoriano non è più tra noi. Con lui se ne va un simbolo delle atrocità inferte dai fascisti e dai nazisti a uomini, donne e bambini durante la seconda guerra mondiale e nei campi di concentramento e sterminio. Segnato indelebilmente dal carcere e dai mesi passati nel campo di Mauthausen ha successivamente speso molto del suo tempo per trasmettere a noi e ai ragazzi i valori della democrazia, a raccontarci la bellezza della libertà e il dolore da sopportare, il sangue da versare per riconquistarla. In queste ore, con ancora negli occhi le drammatiche immagini di Parigi, la sua scomparsa ci richiama con più forza al bisogno di non dimenticare, di vivere il presente e costruire il futuro facendo tesoro degli insegnamenti della storia. Ci spinge a sottolineare quanto sia importante l’impegno di tutte le persone per combattere e isolare con gli strumenti della politica e con la forza il fanatismo religioso che vuole farsi Stato e minare le grandi conquiste di civiltà, oggi più che mai di bisognose di divenire patrimonio per donne e uomini in ancora troppe parti del mondo. Grazie e ciao Vittoriano.
On. Daniele Montroni