Lettera agli iscritti del Segretario Roberto Visani

Carissimo/a,

a seguito alle dimissioni del nostro Segretario dell’Unione territoriale Marco Raccagna, avvenute all’indomani della sconfitta della coalizione di centrosinistra alle elezioni amministrative del Comune di Imola, l’Assemblea territoriale mi ha nominato Segretario reggente fino al prossimo Congresso previsto per l’autunno prossimo. A Marco esprimo il ringraziamento di tutto il partito per il lavoro fatto in questi anni.  

La sconfitta di Imola si inserisce in un momento storico particolarmente difficile nel quale il PD ha perso gran parte della sua attrattività e sembra prevalere una tendenza a dar credito a proposte reazionarie che appaiono più in sintonia col disagio e le paure presenti nella nostra società. 
Di fronte a questa condizione di insicurezza e paura la sinistra non solo in Italia, ma nel mondo, sembra incapace di indicare una proposta attraente. Dobbiamo pertanto indicare un’alternativa di valori ma anche di vicinanza alla società civile mettendo a punto una  nuova agenda che metta al centro le questioni del lavoro e della giustizia sociale. 
Abbiamo fatto molto per le persone ma siamo anche apparsi come una forza elitaria lontana dai ceti popolari. Questo deve farci riflettere e da questo dobbiamo ripartire costruendo un’alleanza per l’alternativa. Un’ alleanza ampia, di cui faccia parte il PD, ma che abbia anche un contenuto civico. Perchè in questi anni abbiamo trascurato i rapporti con i corpi intermedi, i sindacati, le organizzazioni della società. 

Abbiamo davanti a noi un periodo di intenso lavoro che ci vedrà impegnati in otto Comuni del Circondario Imolese nel preparare al meglio le elezioni amministrative del prossimo anno. 

Nel Comune di Imola, con un’amministrazione a 5 stelle che ci ha sconfitto al ballottaggio con i voti decisivi della destra, saremo impegnati nel ruolo inedito di opposizione che dovremo svolgere in modo costruttivo, per il bene della città, facendo emergere le contraddizioni presenti nel movimento. Per fare questo sarà necessario tornare a prendersi cura del partito, dei nostri circoli, dei territori, delle nostre comunità dove vivono le persone con le loro paure e le loro speranze. 
Occorre tornare prima di tutto ad ascoltarci, a confrontarci, a discutere con franchezza ma sempre nel rispetto di chi si sente parte di un’unica famiglia. 
Le feste del PD che nelle prossime settimane si svolgeranno nelle nostre comunità locali saranno l’occasione per riaffermare la nostra presenza sul territorio, una presenza popolare resa possibile grazie alla passione e alla generosità di tante persone. 

Nel percorso congressuale che si aprirà nei prossimi mesi la priorità va data alle idee ancor prima che ai nomi, per uscire dalla logica del “chi sta con chi” e tornare a lavorare sui progetti con quello stile inclusivo capace di tenere insieme la ricchezza del pluralismo presente nel nostro partito avendo la capacità di parlare non solo a noi stessi ma a tutta la società italiana. 

Nei prossimi giorni lavorerò per comporre un coordinamento che insieme a me accompagnerà il partito fino al prossimo congresso. Lo farò cercando un equilibrio che dia rappresentanza ai territori, ai giovani, alle donne e alle diverse sensibilità presenti nel nostro partito. Cercherò anche di coinvolgere personalità  impegnate nel mondo della cultura perché solo la cultura e il pensiero potranno farci uscire da questa crisi che attraversa non solo il nostro partito ma l’intera società italiana.

Ringrazio fin d’ora tutti coloro che saranno disponibili a dare una mano per rilanciare anche nel nostro territorio il PD e l’idea di una società più giusta e umana.

Un caro saluto.

Roberto Visani

Loading

Partito Democraitco - Unione Territoriale Imolese

Copywriter © 2018